StartNews

logo
casino
logo

La nuova pagina  Facebook di StartNews la trovi cliccando qui. Seguici sul social cliccando su MI PIACE nella nostra nuova pagina
tEatro ORDINA

Nuovo farmaco contro l’Alzheimer riceve appoggio dai consulenti della FDA

Nuovo farmaco contro l’Alzheimer riceve appoggio dai consulenti della FDA

Un innovativo farmaco per l’Alzheimer sviluppato da Eli Lilly ha ottenuto il supporto dei consulenti federali della Food and Drug Administration (FDA), aprendo la strada alla sua approvazione per le persone con demenza lieve. Il donanemab, un trattamento mensile somministrato per via endovenosa, ha dimostrato di rallentare il declino cognitivo e i problemi di memoria causati dall’Alzheimer.

Valutazione del rischio e beneficio

Gli esperti della FDA hanno votato all’unanimità a favore del donanemab, riconoscendo che i benefici superano i rischi, tra cui gonfiore cerebrale e sanguinamento. Questi effetti collaterali dovranno essere monitorati attentamente. Il farmaco, se approvato, sarà solo il secondo negli Stati Uniti a dimostrare un rallentamento significativo del declino cognitivo associato all’Alzheimer, dopo Leqembi della Eisai.

banner nuova pagina facebook

La questione delle scansioni cerebrali

Durante lo studio, Eli Lilly ha raggruppato i pazienti in base ai livelli di tau, una proteina cerebrale che predice la gravità dei problemi cognitivi. Questo ha sollevato interrogativi sulla necessità di scansioni cerebrali per i pazienti prima di ricevere il trattamento. Tuttavia, la maggior parte dei consulenti ha ritenuto che i benefici del farmaco fossero sufficienti per prescriverlo senza tali screening.

Prospettive future e considerazioni economiche

Un aspetto unico del donanemab è la possibilità di interrompere il trattamento una volta raggiunti bassi livelli di amiloide, una placca cerebrale collegata all’Alzheimer. Questa strategia potrebbe ridurre i costi e gli effetti collaterali, ma richiede ulteriori dati per determinare il momento ottimale per interrompere o riprendere il trattamento.

Nonostante alcuni rischi associati, come il gonfiore cerebrale e il sanguinamento, il donanemab rappresenta una nuova speranza per i pazienti e le loro famiglie. La decisione finale della FDA è attesa entro la fine dell’anno.

Luigi schiavo per StartNews

«Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi