StartNews

L’AVIS di Troina incontra i giovani studenti dell’Istituto “Don Bosco-Majorana”

L’AVIS di Troina incontra i giovani studenti dell’Istituto “Don Bosco-Majorana”

L’AVIS di Troina incontra i giovani studenti dell’Istituto Omnicomprensivo “Don Bosco-Majorana” per rafforzare la campagna di sensibilizzazione sulla donazione del sangue. La sezione AVIS di Troina è tra i centri regionali che più contribuisce alla raccolta di sangue. Da qualche anno a fronte di una forte e crescente richiesta di sacche, purtroppo, non corrisponde un’adeguata risposta. Dunque, l’obiettivo è aumentare il numero dei donatori volontari soprattutto tra i giovani, i quali presentano certamente un’alta percentuale di idoneità.

L’Avis di Troina ha voluto avviare un progetto, trovando la disponibilità dei vertici dell’Istituto scolastico, con gli alunni dell’Omnicomprensivo “Don Bosco-Majorana”. Un primo incontro informativo-formativo si è tenuto agli inizi del mese in corso. In quell’occasione il neurologo dott. Giuseppe Calabrese, in qualità di medico responsabile della selezione del donatore e della raccolta del sangue, ha spiegato ai ragazzi delle classi quarte e quinte della scuola quanto sia importante la consapevolezza che attraverso un piccolo gesto è possibile contribuire ad aiutare chi, purtroppo, ha necessità e bisogno.

casino

A seguito di quell’incontro ieri, giovedì, si è svolto invece il primo percorso di idoneità per donatori volontari del sangue rivolto proprio agli studenti. Ad effettuare la visita e dunque adesso volontari donatori, sono stati ben 11 alunni maggiorenni: 4 appartenenti alla classe 5A, 3 appartenenti alla classe 5L, 2 appartenenti alla classe 4F, 1 appartenente alla classe 5M e 1 appartenente alla classe 4E. Un’iniziativa ben accolta da studenti, docenti e dai rappresentanti della sezione Avis di Troina. “Come rappresentante degli studenti dell’Omnicomprensivo – ci ha detto Flavio Fiore – sono molto contento. Si tratta di attività molto importanti poiché contribuiscono, e non poco, alla formazione sociale, civica e morale del “cittadino che verrà”. Esprime soddisfazione per la buona riuscita dell’iniziativa Dario Bottita, responsabile AVIS di Troina. “Siamo contenti che ci sia stato un buon riscontro – dice- e la disponibilità dei giovani a diventare dei donatori volontari, soprattutto in un periodo in cui registriamo scorte esigue di sacche. La nostra sezione è una realtà forte sul territorio, ci siamo da tanti anni e lavoriamo per rafforzare la rete dei volontari. Un piccolo gesto aiuta chi soffre”

CASTELlaccio ani2

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi