Piazza Armerina: venerdì scorso Don Luigi Ciotti ha incontrato gli studenti

Piazza Armerina: venerdì scorso Don Luigi  Ciotti ha incontrato gli studenti
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

“Diffidate dei navigatori solitari, di coloro che ritengono di sapere tutto e di non aver bisogno di nessuno. La forza dell’uomo sta nel camminare insieme, nel condividere progetti, iniziative, nel noi e non nell’io.” Con queste parole, Venerdì 21 Febbraio 2020 nell’aula polivalente dell’I.I.S. “Majorana –  Cascino”, don Ciotti si è presentato ad una platea di studenti, attenti come non mai, e pronti ad ascoltare con curiosità e interesse le parole di un uomo, un maestro di vita, fondatore e Presidente Nazionale dell’Associazione Libera.

Ad accoglierlo la padrona di casa, la Preside Lidia Di Gangi, che ha sostenuto con grande entusiasmo questa iniziativa e che ha promosso la partecipazione della Scuola con 12 classi “pilota” al progetto di formazione con l’Associazione Libera,  che si concluderà con  la partecipazione alla XXV giornata della memoria e dell’impegno a Palermo il 21 Marzo. Al suo fianco, la Preside Vilma Piazza dell’I.I.S. “Leonardo da Vinci”, che, con altrettanto impegno e sostegno, ha condiviso l’iniziativa di Libera con gli studenti della sua Scuola.

Don Ciotti, che ha voluto prima ascoltare le domande degli studenti, è riuscito con la sua testimonianza di vita a catturare l’attenzione dei giovani, degli ospiti e delle Autorità civili, militari e religiose che gremivano l’auditorium. Ha ricordato la povertà della sua famiglia vissuta con dignità nella Torino operaia degli anni ’50, i suoi studi tecnici di cui va fiero, si è soffermato, poi,  sull’importanza  delle relazioni che danno senso e significato alla nostra vita e sull’incontro con un barbone, in realtà un medico dalle vicende travagliate, che è stato determinante nella sua scelta vocazionale: un impegno con e per i giovani, nella formazione di cittadini responsabili sempre e non “a corrente alternata”, capaci di far emergere il bello e il buono che la vita riserva a ciascuno di noi.

Le parole di don Ciotti sono arrivate dritte al cuore di ciascuno ora con la forza e l’energia di chi ha lottato insieme ad altri per i diritti degli ultimi, ora con la commozione di chi ha provato, nel suo cammino, la sofferenza e il dolore per la morte di un amico,  un giovane, una persona cara. Senza mai interrompersi se non per richiamare con pause di silenzio l’attenzione dei ragazzi, don Ciotti ha ricordato i primi morti per overdose negli anni ’70, la nascita del gruppo Abele, le lotte parlamentari per una legislazione più umana, e, poi, la stagione delle stragi per mafia e le leggi per la confisca dei beni ai mafiosi e la restituzione di questi alla collettività.

Il volto di don Ciotti si è illuminato, quando ha ricordato Papa Francesco, la sua umiltà e quelle piccole attenzioni, così significative che ha riservato alle persone che ha incontrato nel suo cammino, quelle “piccole rose bianche” che Rita Atria, strappata al contesto mafioso e amata da Paolo Borsellino come fosse una figlia, avrebbe voluto sulla sua tomba.

A conclusione del suo intervento, don Ciotti ha invitato gli studenti a non rassegnarsi mai, a continuare sempre “ a far rumore” , a non pensare che soltanto gli eroi potranno cambiare il mondo. I veri eroi sono coloro che nel quotidiano e nei piccoli gesti, nel compimento del proprio dovere potranno rendere questo mondo migliore. Il primo vero cambiamento – ha concluso – comincia da noi e dalle nostre coscienze!

Grazie, don Ciotti, per l’aria di primavera che hai portato!

Comunicato stampa dell’I.I.S. “ Majorana – Cascino” 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi