Piazza Armerina – La Gear in A2. “Mai considerati dalle amministrazioni comunali”. Ma la società comunica poco e male

Piazza Armerina – La Gear in A2. “Mai considerati dalle amministrazioni comunali”. Ma la società comunica poco e male
Tempo di lettura stimato: 2 minuti
La Gear militerà quest’anno nel campionati di serie A2 portando i colori di Piazza Armerina in diverse regioni meridionali. La notizia della promozione in A2 della squadra ha creato molto entusiasmo all’interno del team che da anni segue e sostiene la squadra anche se, come sottolineano i dirigenti nel comunicato che riportiamo di seguito ,  rimane l’amaro in bocca per essere stati regolarmente ignorati in questi anni dalle amministrazioni comunali.
La colpa, a parer nostro, è anche della società che non ha mai avuto né un ufficio stampa né un sistema di comunicazione in grado di portare la squadra all’attenzione del grande pubblico. Speriamo che la frequentazione di un campionato di un livello superiore convinca i dirigenti che non basta vincere per essere amati e rispettati ma che che bisogna condividere l’amore per la propria squadra con quanta più gente possibile.
COMUNICATO STAMPA DELLA DIRIGENZA DELLA GEAR
“Finalmente la tanto attesa ufficialità dei gironi, siamo entusiasti di poter calcare i parquet di piazze prestigiose come Napoli e di poter affrontare compagini dove militano giocatori di indiscusso livello internazionale, il nome della nostra città è finalmente dove merita di essere e siamo onorati di essere stati gli artefici di questa conquista. Ringraziamo nuomavente i nostri partner vecchi e nuovi senza i quali questo sogno non si sarebbe avverato. Dispiace solamente non aver ricevuto neppure un sms dalle istituzioni locali, siamo consapevoli che la nostra cittá non attraversa un momento glorioso ma quelle poche note positive e di gioia, secondo noi, andrebbero godute tutti insieme perchè in ogni caso siamo tra le prime 4 squadre della Sicilia e tra le prime 62 di tutta Italia, nella nostra cittá arriveranno ospiti da Napoli, Taranto, Cassano delle Murge, Bernalda, Viggiano, Cosenza, Polistena, Bovalino, Reggio Calabria ed i nostri conterranei di Melilli e Regalbuto, quindi crediamo sia una cosa che dovrebbe rendere tutti orgogliosi, ma oramai negli anni ci abbiamo fatto l’abitudine e ci ha sempre portato bene, speriamo si continui così”.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi