Avis Enna: la legalità che unisce

Avis Enna: la legalità che unisce
Si è svolto venerdì 19 luglio il settimo torneo di beach volley “La legalità che unisce” , organizzato dall’ Avis comunale di Enna, presso il campetto ANPAS , con l’obiettivo di ricordare tutte le vittime innocenti di mafia. Particolare attenzione quest’anno è stata dedicata alle vittime legate al territorio ennese che hanno perso la vita per mano della criminalità. Sono stati infatti ricordati, oltre ai giudici Falcone e Borsellino e gli uomini della scorta, anche Boris Giuliano (nato a Piazza Armerina);
Luigi Bodenza ( ennese ed agente di polizia penitenziaria in servizio a Catania); le vittime della Stage della Circonvallazione di Palermo, i carabinieri Giuseppe Scravaglieri, Salvatore Raiti, Silvano Franzolin, Luigi di Barca ed il civile Giuseppe
Di Lavore, tutti in servizio ad Enna ed il giudice Antonino Giannola. Un ricordo anche a Don Pino Puglisi è stato rivolto da Don Giuseppe Rugolo , guida spirituale dell’ Avis.
Dopo il minuto di silenzio, suonato dal trombonista Roberto Ragusa, eccezionalmente al filicorno tenore, dodici squadre, rappresentanti il mondo del volontariato e delle forze di polizia, si sono sfidate in amicizia e allegria e soprattutto
in nome della legalità. Ad aggiudicarsi la settima edizione del torneo è stata la squadra Avis Enna  (composta da Elisa Savoca, Federica Savoca, Pierluigi Alparone e Nanny Di Mario) che ha avuto la meglio sulla Misericordia. A partecipare anche Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria, Polizia Municipale, Guardia di Finanza, Unione Ciechi, ANPAS e altre associazioni del territorio. Durante la manifestazione, seguita da Bedda Radio, si è esibito anche Samuele Bruno, primo posto a Milano nel Red bull street style under 18 (rbss) . Durante il pomeriggio sono intervenuti per portare i loro saluti e le loro
testimonianze: il Sindaco di Enna, Maurizio Di Pietro; per la Prefettura il vice Prefetto vicario, Dott.ssa La Iacona; per il Tribunale di Enna, il Sostituto Procuratore Dr. Lo Gerfo; per la Questura il dirigente della Mobile, Dr. Presti; il Capitano
Macaluso per la Guardia di Finanza; per i Carabinieri, il Maresciallo Pace; per la Polizia Municipale la Dott.ssa Giunta; il Direttore della Casa Circondariale di Enna, dott.ssa Di Franco; il Presidente dell’Ordine dei Commercialisti, Dr. Fabio
Montesano. Presenti anche i due giovani che sono stati proclamati i più dell’Avis nella recente Scala della Moda: Miss Avis Kherol Ginevra e Mister Avis Simon Di Vinti. La presidente dell’Avis Comunale di Enna Giulia Buono, unitamente al vice presidente Fabio Fazzi, le consigliere Maria Elena Spalletta e Martina Gioveni, il revisore dei conti Biagio Fulco e la volontaria del servizio civile Alessia Bonasera hanno premiato tutti i partecipanti al torneo che si sono cosi classificati: 1. Avis Comunale Enna, 2. Misericordia, 3.Unione ciechi (chiudi l’altro occhio), 4. Confraternita SS. Crocifisso di Pergusa, 5. Consulta Giovani Avis Enna, 6. Bedda Radio – Tra palco e realtà, 7. Squadra Interforze (Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria, Polizia Municipale, Carabinieri), 8. Polizia Penitenziaria, 9. Unione ciechi (chiudiamo un occhio), 10. Carabinieri, 11. Misericordia Emanuela Loi, 12. Anpas.
L’annuale evento estivo è un modo per non far abbassare la guardia sulle necessità delle donazioni, in estate il bisogno di sangue non cessa anzi è in aumento. Per tanto si invita tutti ad andare a donare per fare in modo che le scorte non si esauriscano. Si ricorda che è possibile donare da lunedì a sabato, dalle 8:00 alle 11:00, presso il Centro trasfusionale dell’Umberto I di Enna.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi