L’autodromo di Pergusa

L’autodromo di Pergusa

Giorni fa passando casualmente in macchina dalla Contrada Mugavero avevo notato un particolare movimento di auto verso il capannone Premium. La curiosità mi portò a verificare il motivo di tale movimento e rimasi stupito nel vedere molta gente. Più stupito dal fatto che l’organizzatore dell’evento era Giuseppe Telaro il quale da ragazzo, ne avevo perso le tracce, mi aveva collaborato con intelligenza, serietà e competenza nel periodo in cui, tra l’altro, ero il concessionario dell’Alfa Romeo di Caltanissetta. Mi sono complimentato con lui per questa sua iniziativa.

Un interesse particolare ho riservato per ascoltare la “lezione di guida e sul comportamento delle vetture” tenuta dal nostro concittadino, il giovanissimo Simone Patrinicola, pilota della Volkswagen. Di Simone voglio soltanto ricordare la sua vittoria nella gara di durata disputata sul circuito di Imola, il 2° posto nella gara per il campionato nazionale orotopiti disputata nel circuito del Mugello che gli consentì anche di conquistare il titolo di campione italiano under 25. Nonostante la sua giovane età la vita gli ha già riservato altri numerosi successi che fanno di Simone un vero enfant prodige dell’automobilismo italiano. A Giuseppe Telaro chiesi perché questa bella manifestazione non fosse stata organizzata all’interno del nostro autodromo ?

La sua risposta non è stata molto chiara al riguardo. Dal più vecchio consigliere dell’ Ente autodromo, per oltre venticinque anni diretto e attivo collaboratore di Rino Mingrino e di Nino Gagliano e amico di Mario Sgrò attuale Presidente dell’Ente autodromo un consiglio: dal momento che l’autodromo non è più nelle condizioni di potere svolgere quelle manifestazioni che lo portarono all’attenzione di tutto il mondo, manifestazioni del tipo di quella organizzata da Giuseppe Telaro, che prevedeva anche la guida di auto, doveva essere effettuata all’interno dell’autodromo e non in un’area ristretta non idonea, a distanza di pochi chilometri da Pergusa.

Se, come penso, c’è stato un “ difetto” di comunicazione, essendo amico sia di Telaro che di Sgrò, sono disponibile per un incontro e chiarire, se vi sono cose da chiarire, ed evitare per l’avvenire di creare analoghe imbarazzanti situazioni. 

Angiolo Alerci

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi