Il Washington Post inserisce la Villa romana del Casale tra le mete da visitare in Sicilia. Ma consiglia: “Non fate battute sulla mafia”

Il Washington Post inserisce la Villa romana del Casale tra le mete da visitare in Sicilia. Ma consiglia: “Non fate battute sulla mafia”
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Il Washington Post inserisce la Villa Romana del Casale tra le mete consigliate ai propri lettori. Nulla da obiettare sulla scelta ma risulta divertente leggere l’intero articolo perché abbiamo modo di renderci conto come la Sicilia sia vista delgli americani.   a cui Carol Sottili, la redattrice dell’articolo, consiglia di “non riferirsi a un siciliano come a un italiano” e soprattutto” di “non fare battute sulla mafia”.
E’ probabile che prima o poi  Carol Sottili legga questo articolo, credo che possiamo tranquillizzarla: le battute sulla mafia e i mafiosi non ci disturbano. E’ un fenomeno che i siciliani onesti pian piano stanno mettendosi alle spalle, su cui si può anche ridere anche perché noi siciliani a causa della mafia abbiamo versato già tante lacrime.

Traduzione realizzata con Google Traduttore (non precisa ma rende l’idea)

Di
Carol Sottili
29 gennaio 2020 alle 21:31 GMT + 1
Dove: Sicilia

Quando andare: se il sole è più importante del caldo, vai ad aprile. Oppure scegli ottobre se hai qualche doccia in cambio di temperature più calde. L’estate è fantastica per gli amanti della spiaggia, ma è affollata.

Perché andare: la cultura siciliana è stata fortemente modellata dalle avversità. Pestilenze, terremoti, guerre, schiavitù, rivolte ed eruzioni vulcaniche hanno avuto ruoli fuori misura nella sua drammatica storia. La vertiginosa successione dell’isola di regni conquistatori ha lasciato affascinanti resti architettonici, tra cui alcune delle rovine greche antiche meglio conservate del mondo. Inoltre, il cibo è ottimo e lo scenario incantevole.

Logistica: prendere un volo diretto per Roma (Alitalia vola senza scalo da Dulles), quindi prendere un volo di collegamento per Catania o Palermo. Il modo migliore per visitare la Sicilia è tramite un’auto a noleggio. Guidare sulle strade principali è molto gestibile, sebbene le città più grandi possano essere scoraggianti.

ANNO DOMINI

Denaro: la valuta è l’euro. Le carte di credito sono accettate nella maggior parte dei ristoranti, hotel e negozi urbani, ma tengono i contanti a portata di mano.

Documenti: i cittadini statunitensi non hanno bisogno di un visto quando viaggiano in Italia per un massimo di 90 giorni. I passaporti devono essere validi per almeno sei mesi oltre il periodo di viaggio.

Lingua: alcuni sostengono che il siciliano sia un dialetto italiano, non una lingua distinta, ma è sicuro di dire che un italiano non capirebbe una conversazione tra i siciliani. Anche all’interno dell’isola, ci sono dozzine di dialetti. (Esempio: lacrime di gioia sono state versate al battesimo di mio figlio quando mio nonno e mio zio hanno scoperto che condividevano lo stesso dialetto minore di Agrigento.) L’inglese non è ampiamente parlato al di fuori dei centri turistici. L’italiano è capito. L’apprendimento di alcune parole siciliane sarà apprezzato. Prova a usare “salutamu” invece di “ciao” come saluto.

ANNO DOMINI

Una morbosa attrazione turistica in Sicilia? Di cadavere!

Salute: nessuna precauzione speciale. Attenersi all’acqua in bottiglia nelle aree rurali è prudente.

Mito prevalente: chiunque viva in Sicilia è un Wiseguy, con connessioni con la mafia. Anche quando Cosa Nostra governava la Sicilia, la stragrande maggioranza della popolazione non era membro. Invece, furono sottomessi dal crimine organizzato. La mafia siciliana esiste ancora, ma molti sperano che il suo periodo di massimo splendore sia passato.

Itinerario per principianti: concentrati sull’esplorazione del collegamento della Sicilia con l’antica Grecia e Roma. La città di 2.700 anni di Siracusa e l’adiacente isola di Ortigia offrono finestre attraverso i secoli; siti includono il teatro greco, l’anfiteatro romano, il tempio di Apollo, l’altare di Ierone II, l’orecchio di Dionigi e il museo archeologico. E non perdetevi il vivace mercatino di Ortigia e la Piazza del Duomo con la sua cattedrale barocca. Nella zona di Agrigento, la Valle dei Templi è un must, offrendo una serie di incredibilmente ben conservate strutture greche antiche. Circa 90 minuti a est di Agrigento si trova Villa Romana del Casale, che presenta splendidi mosaici romani. Nella zona di Palermo, connettiti con la storia normanna della Sicilia presso la Cattedrale di Monreale e il Palazzo Normanno; la città offre anche diversi mercatini per i buongustai. Rompere la visita seria con un tour del vulcano attivo sull’Etna e fare shopping nella città balneare di Taormina.

ANNO DOMINI

Itinerario per visitatori abituali: a Palermo, assistiti a uno spettacolo nel magnifico Teatro Massimo, il più grande teatro lirico italiano, aperto per la prima volta nel 1897. Scopri di più sul periodo barocco siciliano con una visita alle città sud-est di Ragusa e Noto. Esplora la fiorente scena vinicola della Sicilia nelle campagne intorno a Noto e Siracusa. Nella cittadina balneare di Cefalù, sali i gradini fino alla cima della Rocca e ammira il panorama. Guida a ovest di Siracusa fino alla Necropoli di Pantalica, con i suoi favi di antiche tombe scavate nella roccia.

Mangia questo: Arancini (polpette di riso fritte). Tutte le versioni di melanzane, ma soprattutto la caponata. Qualsiasi piatto che includa le sarde, che vengono catturate al largo della costa; meglio se servito con bucatini. E sicuramente i cannoli, tranne che in estate, quando la granita è la scelta migliore.

Elenco di lettura: “Il leopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa; “The Stone Boudoir: Travels Through the Hidden Villages of Sicily” di Theresa Maggio (esaurito, ma può essere acquistato usato); “Alla ricerca della Sicilia: un viaggio culturale attraverso il mito e la realtà nel cuore del Mediterraneo”, di John Keahey.

ANNO DOMINI

Playlist: musica folk siciliana tradizionale, in particolare canzoni che presentano il chiaramedda, la versione siciliana delle cornamuse: i brani dell’ensemble musicale Malanova sono un buon punto di partenza. E sì, adoriamo la colonna sonora de “Il padrino”, ma contiene solo accenni di melodie tradizionali siciliane.

Sensibilità culturali: non riferirsi a un siciliano come a un italiano. Non trattare i siciliani come meno sofisticati di quelli delle regioni settentrionali italiane: le nonne curvate in abiti neri fanno ancora parte del mix, ma è più probabile che tu veda uomini e donne giovani, vestiti alla moda. E non fare battute sulla mafia.

Souvenir: ceramiche dalla città

L’ARTICOLO SUL ORIGINALE (per leggerlo confermate la scelta Free sul riquadro nero)

whashington
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi