Fondi Ue. Compagnone: “Rafforzare le competenze e adeguare il personale contro il disimpegno delle risorse”

Fondi Ue. Compagnone: “Rafforzare le competenze e adeguare il personale contro  il disimpegno delle risorse”
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Una strategia unica, figlia della visione politica del Governo regionale, a fronte delle frammentazioni per dipartimenti. È una delle soluzioni prospettate per gli investimenti europei dalla Commissione per l’esame delle attività dell’Unione Europea all’Ars, presieduta dal deputato regionale Giuseppe Compagnone, e composta dai parlamentari Luigi Sunseri,
Giuseppe Zitelli, Edmondo Tamajo, Alessandro Aricò, Stefania Campo, Rossana Cannata, Emanuele Dipasquale, Riccardo Gallo, Giuseppe Gennuso, Giuseppe Lupo, Matteo Mangiacavallo e Jose Marano. “Contro il serio rischio di disimpegno
delle risorse inviate da Bruxelles a causa del ritardo che scontiamo a 5 anni dall’inizio dei programmi 2014-2020 – ha spiegato l’onorevole Compagnone -, la Commissione parlamentare che presiedo ha formulato una risoluzione per  l’attuazione del Piano di Rafforzamento Amministrativo ed efficientamento del  sistema dei controlli e di valutazione per la programmazione europea.

Dopo una  serie di audizioni con gli stakeholders dei Fondi Ue, compresi  i dirigenti  generali dei Dipartimenti regionali, abbiamo focalizzato le criticità di  carattere organizzativo e strutturale della macchina amministrativa regionale  che necessitano di significativi interventi di rafforzamento delle competenze e  di adeguamento del personale”. Dall’interoperabilità dei sistemi informatici  operativi ad una cabina di regia di supporto ai beneficiari, sono numerosi gli  accorgimenti elaborati dalla Commissione che sotto la presidenza Compagnone è  passata da una a 27 convocazioni in poco più di un semestre, se paragonata alla  precedente legislatura. “Chiaro segno – ha concluso l’esponente di Popolari ed  Autonomisti – che la programmazione europea  non va considerata solo come  un’opportunità a perdere, ma va rivalutata come priorità su cui costruire  un’autentica stagione di sviluppo economico per una Sicilia competitiva”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi