StartNews

logo
tEatro ORDINA
logo
CASTELlaccio ani2

Violenza sulle donne: la legge passa ma rimangono dubbi sull’efficacia

Violenza sulle donne: la legge passa ma rimangono dubbi sull’efficacia

La Camera ha detto sì. Nessun voto contrario, un plebiscito. La proposta di legge della Lega sulla violenza sulle donne è stata approvata. Ma non lasciatevi ingannare dai numeri; le cifre possono essere ingannevoli come un miraggio nel deserto.

La legge promette molto: più tutele, più risorse, più attenzione. Ma la domanda che dovremmo tutti farci è: cambierà davvero qualcosa? O è solo un altro esempio di quella retorica parlamentare che tanto amiamo criticare?


La legge prevede un aumento delle pene per gli autori di violenza domestica, l’implementazione di programmi di prevenzione e la creazione di centri di ascolto specializzati. Suona bene, no? Ma come sempre, il diavolo è nei dettagli.

Parliamo di risorse. La legge stanzia fondi, ma non specifica come verranno distribuiti. E la storia ci insegna che senza un piano chiaro, i fondi possono facilmente evaporare nel nulla, come lacrime nella pioggia.

E poi c’è l’opinione pubblica. Un voto unanime in Parlamento è un forte messaggio, ma non basta a cambiare la mentalità delle persone. La cultura della violenza è radicata e non si estirpa con un colpo di spugna legislativo.

Quindi, mentre celebriamo questo passo avanti, teniamo gli occhi aperti. Una legge è solo un pezzo di carta se non è seguita da azioni concrete. E in questo caso, le azioni parlano più forte delle parole.

Attilio Franchi per StartNews

«Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi