StartNews

Checco Zalone racconta la sua carriera… alla sua maniera

Checco Zalone racconta la sua carriera… alla sua maniera

Checco Zalone ricostruisce cosí, nella sua pagina Facebook, la sua carriera. In buona sostanza é un invito a non arrendersi mai.

“Ho provato in tutti i modi ad avere il posto fisso. Mi sono laureato in legge, ma non mi ricordo niente. Ho dato un concorso da ispettore di polizia, ma non mi hanno preso. Zia Lina tentò di farmi assumere da un avvocato: avrei dovuto fare le fotocopie nello studio dall’onorevole Francesco Paolo Sisto. L’altro giorno l’ho incontrato e gli ho detto: ‘Fammi ‘na fotocopia, dai.’ Sono stato anche rappresentante di medicinali. Piazzavo molta amuchina che a Bari c’era paura del colera.
Alla fine ho iniziato a suonare ai matrimoni. Era un mestiere redditizio, perché in Puglia il matrimonio va molto. Erano 70€ a serata. C’era di tutto. Anche pregiudicati con amici e parenti in galera. Presi l’abitudine di esordire così: ‘Il concerto è dedicato ai reclusi di Taranto, con augurio di presta libertà’. Al Nord scoppiavano a ridere. Al Sud scoppiava un applauso sincero: mi prendevano sul serio.
Insomma le ho provate tutte. E non mi sono mai arreso. Sono stato fortunato, anzi fortunatissimo perché senza una buonissima dose di culo non vai da nessuna parte, ma quando ho avuto un’occasione ho dimostrato di sapermela meritare. Mi mandavano in onda, a Telenorba e poi a Zelig, funzionavo, facevo ridere. Oggi piaccio all’italiano terra terra o a De Gregori, all’intellettuale, è al pubblico di mezzo che sto sulle palle.”
Checco Zalone

casino
barock

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi