StartNews

logo
casino
logo
casino

AL Cinema Garibaldi “Stranizza d’amuri” di Beppe Fiorello

AL Cinema Garibaldi “Stranizza d’amuri” di Beppe Fiorello

Dal 6 al 12 aprile (escluso lunedì 10 aprile)

STRANIZZA D’AMURI


Ore 19,00 – 21,30.

Stranizza d’Amuri è il film d’esordio alla regia di Giuseppe Fiorello , noto attore siciliano che ha deciso di raccontare una storia di amore e pregiudizio ispirata a un fatto di cronaca degli anni ’80, il delitto di Giarre, in cui due giovani omosessuali furono uccisi per mano dei loro familiari¹². Il film è dedicato alle vittime, Giorgio Giammona e Antonio Galatola, e vuole essere anche un omaggio a “”Franco Battiato””, il cui brano omonimo fa da colonna sonora al racconto.

Il film narra la storia di “”Gianni”” (Samuele Segreto) e “”Nino”” (Gabriele Pizzurro), due ragazzi che vivono in due paesi diversi della Sicilia rurale del 1982. Gianni è un ragazzo gay che subisce le angherie dei suoi coetanei e il disprezzo del suo patrigno, trovando conforto solo nella madre Lina (Simona Malato). Nino è il figlio maggiore di una famiglia di pirotecnici, onesta e laboriosa, che ha appena finito il liceo con ottimi voti. Un giorno, per un casuale incidente in motorino, i due si incontrano e nasce tra loro una grande amicizia, che presto si trasforma in un sentimento più profondo. I due ragazzi dovranno però nascondere il loro amore, a causa del forte pregiudizio e dell’omofobia tipici dell’epoca e del luogo in cui vivono.

Fiorello dimostra una buona capacità di regia, riuscendo a creare un’atmosfera autentica e coinvolgente, grazie anche alla fotografia di Ramiro Civita e alla scenografia di Paola Peraro, che restituiscono i colori e i sapori della Sicilia. Il film non cade mai nel melodramma o nella retorica, ma anzi mostra con delicatezza e sensibilità la crescita emotiva dei due protagonisti, interpretati con bravura e naturalezza da Segreto e Pizzurro. Il film non si limita a raccontare una storia d’amore, ma anche una storia di coraggio e di ribellione contro una società oppressiva e violenta, che non accetta la diversità. Il film è anche un ritratto generazionale, che mostra le speranze e i sogni dei giovani di quegli anni, tra la passione per il calcio, la musica e il cinema.

“”Stranizza d’Amuri”” è un film toccante e poetico, che riesce a commuovere senza essere banale o scontato. È un film che parla di amore universale, quello che non conosce confini né etichette. È un film che invita a riflettere sul valore della vita e sul rispetto delle persone. È un film che merita di essere visto e apprezzato.

«Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi