Rottamazione quater: ultimi giorni per pagare la seconda rata, ma c’è l’Ipotesi Proroga

Rottamazione quater: ultimi giorni per pagare la seconda rata, ma c’è l’Ipotesi Proroga

Ascolta Articolo

Il termine per il pagamento della seconda rata della rottamazione-quater, previsto dalla Legge di Bilancio 2023, è fissato per il 30 novembre. Questa misura, che riguarda i debiti fiscali accumulati dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022, offre ai contribuenti la possibilità di estinguere il proprio debito senza dover pagare sanzioni, interessi, o altri costi aggiuntivi. Tuttavia, c’è una novità importante: secondo quanto riportato da Il Messaggero, il governo starebbe considerando una possibile proroga dei termini di adesione a questa iniziativa.

La Scadenza e le opzioni di pagamento

I contribuenti che intendono approfittare della rottamazione-quater possono effettuare il pagamento utilizzando i moduli forniti dall’Agenzia delle Entrate Riscossione. Il pagamento può essere effettuato in banca, tramite sportelli bancomat, internet banking, uffici postali, tabaccai, portale dell’Agenzia delle Entrate Riscossione, o tramite l’app Equiclick. Inoltre, è consentito un periodo di tolleranza di 5 giorni, estendendo così la scadenza effettiva al 5 dicembre 2023.

Il calendario delle rate

I contribuenti hanno avuto la possibilità di pagare in un’unica soluzione o di adottare un piano di rateizzazione fino a un massimo di 18 rate. Dopo la prima rata del 31 ottobre e la seconda del 30 novemvre, le rate successive sono previste per il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre di ogni anno a partire dal 2024. Va ricordato che il mancato pagamento di una rata comporta la perdita dei benefici previsti dalla definizione agevolata.

Considerazioni Finali

La rottamazione-quater rappresenta un’opportunità importante per i contribuenti di regolarizzare la propria posizione fiscale in modo vantaggioso. L’eventuale proroga della scadenza per aderire a questo programma potrebbe fornire ulteriore sollievo a coloro che sono ancora in difficoltà a causa delle sfide economiche attuali. Tuttavia, questa ipotesi rimane al momento non confermata e pertanto i contribuenti sono invitati a rispettare i termini attualmente in vigore.

Attilio Franchi per StartNews

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi