StartNews

logo
casino
logo
tEatro ORDINA

La teoria di Gaia e le sue evoluzioni: la Terra come un organismo vivente

La teoria di Gaia e le sue evoluzioni: la Terra come un organismo vivente

Negli anni ’70, il chimico James Lovelock e la microbiologa Lynn Margulis presentarono una teoria rivoluzionaria: la Terra è un grande organismo vivente. Questa idea, che ha preso il nome di “Ipotesi di Gaia”, suggerisce che il nostro pianeta possegga processi di autoregolazione simili a quelli degli organismi viventi, come la sudorazione nei mammiferi per raffreddarsi o la guarigione delle ferite nella pelle umana.

La resistenza e l’evoluzione del concetto

Inizialmente, l’Ideale di Gaia fu accolto con scetticismo dalla comunità scientifica occidentale, considerata da molti una nozione di nicchia o addirittura fantascientifica. Tuttavia, nonostante le critiche iniziali e le difficoltà nel definire chiaramente cosa costituisca “vita”, questa teoria ha continuato a persistere e a evolversi. Le versioni più recenti dell’ipotesi hanno ridimensionato l’idea di una collaborazione attiva tra le forme di vita per trasformare il pianeta, spostando il focus sul ruolo inconscio delle specie viventi nel regolare l’ambiente terrestre.


Implicazioni moderne e il legame con la crisi climatica

Nel corso degli anni, la scienza ha iniziato a rivelare connessioni sempre più profonde tra biologia, ecologia e geologia, rendendo i confini tra queste discipline sempre più sfumati. Ad esempio, si è scoperto che la foresta amazzonica è in grado di “richiamare” la propria pioggia e che la vita gioca un ruolo cruciale nella formazione dei continenti e nella regolazione della temperatura del pianeta. Queste scoperte hanno portato alcuni scienziati a riconsiderare l’Idea di Gaia non solo come una metafora utile, ma come un modello potenzialmente reale per comprendere e affrontare le interazioni complesse sulla Terra.

In questo contesto, Ferris Jabr, giornalista scientifico e autore del libro “Becoming Earth”, sostiene che pensare alla Terra come a un entità vivente potrebbe ispirare azioni più efficaci contro la crisi climatica, promuovendo un maggiore rispetto e cura per il nostro pianeta. Brian Resnick, ex redattore di scienza e salute per Vox e co-creatore del podcast “Unexplainable”, ha approfondito questi temi in una recente intervista con Jabr, evidenziando come nuove prospettive possano illuminare antiche questioni scientifiche e stimolare un dialogo costruttivo sulla sostenibilità ambientale.

Luigi Schiavo per StartNews

«Home

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi