Fratelli d’Italia: assalto alla diligenza? Potrebbero cambiare alcuni scenari della politica piazzese

Fratelli d’Italia: assalto alla diligenza? Potrebbero cambiare alcuni scenari della politica piazzese

Fratelli d’Italia a Piazza Armerina è una preda ambita da molti politici della vecchia guardia, reduci della sconfitta elettorale del 2018 e che sono alla ricerca di una nuova identità “elettorale”. I successi del partito della Meloni, che i vari sondaggi danno in forte crescita da un po’ di tempo, hanno innescato una serie di pruriti politici e questo potrebbe spiegare la situazione in cui si è trovato in questi gironi l’avvocato Alessio Cugini, responsabile del gruppo di Piazza Armerina, che di punto in bianco si è vista commissariare la sezione dal responsabile provinciale Carmelo Barbera.”Il presunto commissariamento  – spiega Cugini in un comunicato – contrasta con lo Statuto nazionale, art. 18, motivo per il quale già la sede centrale del Partito è stata informata di una scelta tanto improvvida nelle forme e nei tempi”. Ma sappiamo come vanno queste cose ed è probabile che se in FdI si è deciso di emarginare Cugini non sarà difficile riuscirci.

Esiste un collegamento tra le dimissioni di Cugini dalla sua carica di assessore e il commissariamento della sezione di Piazza Armerina di FdI? Una risposta l’avremo dall’evoluzione della vicenda e sarà facile rendersi conto cosa dobbiamo aspettarci per i prossimi  mesi. Anche in consiglio comunale potrebbero cambiare i rapporti di forza e si potrebbe aprire il valzer di ulteriori passaggi da uno schieramento all’altro.   Nel frattempo l’assalto alla diligenza di Fratelli d’Italia è iniziato, si attende l’arrivo dei nostri…

Nicola Lo Iacono

 

 

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi