Ospedale UmbertoI: la carenza di mascherine rischia di fermare le imprese di pulizia

Ospedale UmbertoI: la carenza di mascherine rischia di fermare le imprese di pulizia

L’allarme arriva dalla Puliservice Srl di Enna che gestisce in ATI il servizio di pulizia nel presidio ospedaliero di Enna e al Policlinico di Messina, ma la situazione è grave in tutta la Sicilia. L’assenza di questo presidio, non riguarda solo il personale medico e di sicurezza ma anche l’indotto. “Sono finite le mascherine e i nostri collaboratori che quotidianamente lavorano negli ospedali, in questi giorni stanno affrontando una vera e propria emergenza sanitaria per l’epidemia di coronavirus e nei prossimi giorni potrebbero decidere di smettere di lavorare”.

Questo è l’allarme che arriva della governance della Puliservice, che in una nota spiega: “C’è tantissima preoccupazione da parte di tutti i nostri operatori delle pulizie e temiamo che nelle prossime ore non verrà più nessuno a lavorare”. Hanno poi spiegato: “Le nostre scorte di mascherine sono finite e abbiamo bisogno che qualcuno ce le fornisca altrimenti il personale non sarà più in condizioni di operare in condizioni di sicurezza per se e per gli altri”. “I fornitori non hanno più disponibilità di mascherine e stanno convogliando le richieste alle Regioni e alla Protezione Civile, perché chiaramente le priorità le hanno gli ospedali e noi siamo rimasti fuori da questo circuito. Eppure facciamo parte di un contesto che è assolutamente indispensabile, mai come in questo momento, che è quello della sanificazione e della disinfezione degli ospedali”.

“Abbiamo scritto anche alla Regione, alle ASP, alla Protezione Civile e alle Prefetture di Enna e Messina, perché siamo un ingranaggio di un meccanismo che non si può bloccare perché è essenziale. Nessuno al momento ci ha risposto”, continua la nota, “le linee del Ministero della Salute hanno individuato i nostri operatori allo stregua dei medici e degli infermieri per quanto riguarda la necessità di dotarsi di tute e dispositivi di sicurezza. Ma il nostro problema sono le mascherine perché sono quelle che mancano”. In conclusione, “Noi dobbiamo garantire il servizio, e per ora i nostri collaboratori lo stanno facendo con grande responsabilità e con turni massacranti. Ma siamo seriamente preoccupati su quello che potrebbe accadere già nelle prossime ore, se la mancanza di mascherine continua a permane”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi