Inverno in profonda crisi: dopo la siccità in arrivo aria mite dal nord-Africa. Previste punte di +20 °C

La Sicilia negli ultimi giorni ha visto il ritorno delle piogge ma solo sul settore centro-orientale; si è trattato comunque di piogge da stau e veicolate da un flusso umido sciroccale in fase di attenuazione.
ANALISI SINOTTICA
La situazione legata alle grandi piogge invernali e al freddo non vede cambiamenti all’orizzonte, infatti la vasta circolazione depressionaria che ha apportato forti venti e diffuso maltempo sulla Penisola iberica continuerà ad essere alimentata da un canale freddo proveniente dal nord-Europa.
Essa virando verso il Portogallo, per poi essere successivamente agganciata dal flusso zonale, fornirà nuova linfa vitale all’alta pressione già presente sul Mediterraneo, richiamando correnti più miti provenienti dal nord-Africa che favoriranno un generale rialzo delle temperature, più sensibile sul settore tirrenico.
Tali correnti umide, transitando dapprima sul Mediterraneo, si caricheranno di umidità e giungeranno sulle coste meridionali della nostra isola sotto forma di nuvolosità per lo più sterile, mentre, come detto, sul settore tirrenico, tali masse d’aria giungeranno più secche e, complici gli alti livelli di geopotenziale, apporteranno un diffuso aumento delle temperature.
Isoterme a quota 850 hPa prossime ai +10/+11 °C sul settore tirrenico, faranno registrare picchi termici vicini ai +20 °C specie sul palermitano nella giornata di venerdì.
In questo frangente le località montane risentiranno maggiormente di tale incremento termico e la poca neve rimasta sulle Madonie, complice uno zero termico intorno ai 2700-2800 metri, sarà messa a dura prova.

A cura di 
David Cartarrasa
Segui la mia pagina su Facebook

Spot tv Centro Meteeorologico Siciliano

#cms | Seguiteci per ricevere i nostri aggiornamenti 24 ore su 24 sia su #FACEBOOK, invitando anche i vostri amici, che su #telegram sul nostro canale: https://t.me/centrometeosicilia

Pubblicato da CMS – Centro Meteorologico Siciliano – ODV su Mercoledì 22 gennaio 2020

Condividi la notizia