Nicosia – L’assessore Ivan Bonomo accusato di concussione.

Questa mattina l’assessore Ivan Bonomo del comune di Nicosia si è visto recapitare dai Carabinieri un provvedimento di interdizione , in via cautelativa, dai pubblici uffici a seguito dell’accusa di “concussione per induzione” nei confronti del titolare di una ditta. Secondo quanto sostenuto dagli investigatori, Ivan Bonomo, nella qualità di Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Nicosia, avrebbe chiesto da una ditta aggiudicataria dell’appalto di refezione scolastica di saldare un suo personale debito contratto con commerciante locale.
Le investigazioni si sono anche avvalse di intercettazioni telefoniche che dimostrerebbero secondo i carabinieri  come Ivan Bonomo avrebbe “consigliato” al titolare della ditta aggiudicataria della gara di reperire le somme escludendo dal numero di pasti quelli per le famiglie bisognose. Sempre secondo le indagini svolte dai carabinieri Bonomo avrebbe minacciato la ditta fornitrice di non rinnovare il contratto per l’anno successivo.

Poiché, nonostante le numerose pressioni esercitate dall’assessore l’imprenditore continuava ad opporsi alla richiesta, il politico avrebbe iniziato  una sorta di ritorsione nei confronti del titolare dell’azienda ordinandogli, contrariamente a quanto previsto, di somministrare nell’arco di un solo mese circa 150 pasti in più da destinare ai meno abbienti, anziché 30. Pasti, questi ultimi, che non sarebbero stati destinati ai bisognosi, ma distribuiti dall’Assessore ad amici e conoscenti. La difficoltà di completare la fornitura, secondo quanto appurato dagli investigatori, avrebbero posto le basi per una esclusione nella gara successiva della ditta”

Le indagini dei Carabinieri, coordinate dalla Procura della Repubblica di Enna, sono iniziate nel dicembre 2017 dello scorso anno e sono andate avanti fino a marzo di quest’anno, quando gli investigatori dell’Arma hanno terminato di raccogliere tutte le prove che documenterebbero come il politico di Nicosia abbia abusato dei suoi poteri.

Esprimi un giudizio
Condividi